©
Ti ho sempre soltanto veduta,
senza parlarti mai,
nei tuoi istanti più belli.
Ma ho l’anima ormai tanto tesa,
schiantata dalla tua figura,
che non trovo più pace
al suo brivido atroce.
E non posso parlarti,
nemmeno avvicinarmi,
ché cadrebbero tutti i miei sogni.
Oh se tale è il tremore orribile
che ho nell’anima questa notte,
e non ti conoscerò mai,
che cosa diverrebbe il mio povero cuore
sotto l’urto del sangue,
alla sublimità di te?
Se ora mi par di morire,
che vertigine folle,
che palpiti moribondi,
che urli di voluttà e di languore
mi darebbe la tua realtà?
Ma io non posso parlarti,
e nemmeno avvicinarmi:
nei tuoi istanti più belli
ti ho sempre soltanto veduta,
sempre soltanto sognata.
by Cesare Pavese (via spiragli)
fohk:

“It’s a strange world”
Blue Velvet (1986)David Lynch
afroui:

Un calligramme : Poème écrit en forme de dessin. Le bouquet de fleurs de Guillaume Apollinaire
estherguiducci:

Esther Guiducci by Filippo Rubechi
All you need to do is to play your guitar and this will guarantee you good sex and people with interesting hair styles.
by Pete Doherty for GQ, 2014 (via albion-sails-on-course)

(via oculoss)

piove

lacontessa:

René Magritte, Lola, 1948
mariah-do-not-care-y:

Lily Mcmenamy and Matthew Hitt / Hedi Slimane Diray

planyt:

Your shadow follows me all day

making sure that I’m okay

and we’re a million miles away

Karen O and Ezra Koenig x Beth Hoeckel

(via stay-ocean-minded)

(Fonte: boyirl, via embrasement)